Come gestire l’acquario ai tempi del Coronavirus

Come gestire l’acquario ai tempi del Coronavirus

In queste ultime settimane siamo tutti bloccati in casa per collaborare a contenere il diffondersi del Coronavirus. Molti di voi ci chiedono come gestire il proprio acquario nell’impossibilità di cambiare l’acqua pronta all’uso.

Ecco a voi qualche consiglio per mantenere l’acquario in questo momento di emergenza.

Cosa fare per mantenere l’acqua pulita più a lungo

La cosa più importante in questi giorni è abbassare la luce a 4/6 ore al giorno e nutrire i pesci con meno cibo del solito. Questo accorgimento permetterà di mantenere l’acqua pulita più a lungo, rallentando la formazione di alghe e evitando che si formino troppi residui.

Come cambiare l’acqua se non la prendi già pronta all’uso

Se ritieni che sia giunto il momento di cambiare l’acqua del tuo acquario perché troppo sporca, ma non hai a disposizione la nostra acqua pronta all’uso, puoi utilizzare quella del rubinetto con questi accorgimenti necessari. Devi preparare l’acqua il giorno prima, utilizzando un biocondizionatore. Il biocondizionatore serve a eliminare il cloro e i metalli pesanti presenti nell’acqua del rubinetto. Dopo 24 ore puoi quindi procedere al cambio dell’acqua come da manutenzione ordinaria. Se non hai in casa il biocondizionatore e non riesci a procurartelo, lascia “a riposo” l’acqua del rubinetto per un paio di giorni in più, in modo da far decadere i metalli e far evaporare parte del cloro.

Pulizia del materiale filtrante

Se ritieni che non sia necessario cambiare l’acqua , ma noti che il materiale del filtro è particolarmente sporco, preleva acqua dall’acquario e con essa sciacqua il materiale filtrante. Usare l’acqua presa dalla vasca è fondamentale: non usare quella del rubinetto, perché contiene del cloro che andrebbe ad uccidere i batteri buoni del filtro necessari al buon funzionamento dell’equilibrio dell’acquario.

Con queste semplici operazioni è possibile far fronte all’emergenza per il mantenimento dell’acquario in attesa di poter tornare ad una gestione più  adeguata e normale.